Malattia e infortunio non pagati. Sciopero  e blocchi davanti a Emilceramica.
Voci dalla città

Malattia e infortunio non pagati. Sciopero e blocchi davanti a Emilceramica.

Sciopero, blocchi e tensioni questa mattina davanti a Emilceramica, storica azienda di Fiorano Modenese.

Proprio mentre il comparto ceramico registra aumenti di fatturato e di impiego da questa mattina prosegue a oltranza lo sciopero dei lavoratori di Emilceramica.

I lavoratori riuniti attorno al sindacato S.I.Cobas denunciano una situazione che ha del paradossale: a fronte di un’azienda florida, come la ceramica di Fiorano, malattie e infortuni pare non vengano pagati e coperti dall’azienda.

Nell’aprile dello scorso anno Emilceramica entra a far parte del gruppo Marrazzi che ne acquisisce il cento per cento del capitale. Un ingresso che la consegna direttamente nelle mani degli americani di Mohawk Industries – colosso internazionale del settore materiali e pavimenti con un fatturato complessivo di circa 9 miliardi di dollari nel 2016 – che controllavano già a loro volta il gruppo Marrazzi. Leader mondiali del settore che però, sul terreno, non fanno cadere nemmeno le briciole.

Il gruppo Marrazzi, dopo l’acquisizione, porta in Emilceramica Assoservizi un gruppo di cooperative fornitrici di manodopera che si rifiutano di pagare categoricamente malattie e infortuni. Alle richieste dei lavoratori – con contratti alla mano – è quest’ultima che risponde, prima rifiutando qualsiasi incontro poi mandando avanti tre impiegati prestanome della cooperativa. Nessun segnale ovviamente né da Emilceramica né da Marrazzi.

IMG-20180607-WA0001

Le prime tensioni si registrano già durante la mattinata, con due tentativi di sfondamento del picchetto da parte dei responsabili dei magazzini della cooperativa. Camion lanciati direttamente sui lavoratori (come da prassi ormai nei settori della logistica) e tragedia sfiorata per un soffio. Ci rimette fortunatamente solo un muretto falciato dalla foga del camion che a sua volta ci lascia la fiancata. I lavoratori restano illesi ma cresce la rabbia e la determinazione.

All’azienda (ma forse sarebbe meglio parlare al plurale) che diserta ogni incontro e rifiuta qualsiasi tipo di trattativa i lavoratori rispondono continuando ed estendendo il picchetto che proseguirà per tutta la notte.

Dal Far West del mondo del lavoro e dello sfruttamento modenesi, per oggi è tutto.

 

7 Giugno 2018

About Author

admin


ONE COMMENT ON THIS POST To “Malattia e infortunio non pagati. Sciopero e blocchi davanti a Emilceramica.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *