Modena, in un video l’intervento muscolare delle polizia in piazzale Redecocca.
Voci dalla città

Modena, in un video l’intervento muscolare delle polizia in piazzale Redecocca.

Il video che pubblichiamo riprende un fermo “muscolare” da parte della Polizia di Stato e della Municipale accaduto in piazzale Redecocca domenica pomeriggio  a Modena.

Secondo le prime testimonianze da noi raccolte, l’intervento sarebbero scaturito dopo una colluttazione tra due persone che stava avvenendo sotto gli occhi delle forze dell’ordine le quali sarebbero intervenute solo dopo aver visto uno dei due brandire una spranga.

La persona che ha registrato e pubblicato per prima questo video è stata subissata di insulti e minacciata di denuncia sui social network.

Un video che riprende il fermo "muscolare" da parte di Polizia di Stato e municipale in piazzale Redecocca domenica pomeriggio a Modena.Secondo le testimonianze raccolte l'intervento sarebbero scaturito dopo una colluttazione tra due persone. La persona che ha registrato e pubblicato per prima questo video è stata subissata di insulti e minacciata di denuncia sui social network. Sempre secondo le testimonianze raccolte, oltre alle numerose forze dell'ordine sarebbe intervenuto successivamente anche l'esercito per disperdere coi manganelli la folla che si era radunata in strada indignata dall'accaduto. E c'è chi osa definire tutto questo "sicurezza"…#modena #covid_19 #sicurezza

Pubblicato da Senza Quartiere su Lunedì 6 aprile 2020

 

Si parla di un pestaggio (non ripreso nel video) ai danni di un ragazzo già a terra e ammanettato (l’altro, quello che parrebbe aver preso in mano una spranga, si sarebbe invece dato alla fuga) e si vedono numerosi agenti che tengono a distanza le persone del vicinato.

Sempre secondo le testimonianze raccolte, oltre alle numerose forze dell’ordine sarebbe intervenuto successivamente anche l’esercito per disperdere coi manganelli la numerose persone che si erano radunate in strada indignate per l’accaduto.

Purtroppo, anche in piena emergenza coronavirus, i problemi sociali della città non spariscono di colpo così come il disagio e la sofferenza sociale non vanno in vacanza ma c’è chi si ostina a definire certe scene sempre e solo attravareso la parola “sicurezza”.

6 Aprile 2020

About Author

admin