La questura modenese colpisce ancora : arresto in centro storico di un minore
Voci dalla città

La questura modenese colpisce ancora : arresto in centro storico di un minore

Condividiamo da Kamo Modena di nuovi soprusi compiuti dalle forze dell’ordine modenesi. Ieri (16/11/20), in Via Emilia Centro un ragazzo è stato fermato per non aver indosso la mascherina protettiva. Questo è stato smentito sia da prove video che successivamente dalla madre del minore.

Sempre la madre racconta che il figlio non avendo i documenti è stato portato in questura per accertamenti sulla sua identità e da qui è uscito con la faccia gonfia e sotto minaccia di poter essere perseguito se avesse raccontato quello che gli era accaduto mentre era nelle mani dello stato.

Si evidenzia come le forze dell’ordine siano inadatte e pericolose nello svolgere il loro lavoro che si riduce a mantenere la “sicurezza” spargendo terrore nelle strade. Dall’inizio del primo lockdown sono numerosi gli episodi, denunciati e non, che vedono gli angeli in divisa reprimere e combattere il covid facendo vorticare in aria il manganello.

Questa è l’unica risposta certa che lo Stato è in grado di dare, gestendo una crisi sanitaria attraverso polizia e terrorismo psicologico.

Riportiamo il post integrale di Kamo Modena.

Gira un video, da ieri.
Centro di Modena, via Emilia, sotto i portici.
Due pattuglie di Polizia fermano un ragazzino, un minorenne. Non si sa perchè, non si sa per come. Ma sono in quattro a prenderlo con la forza. Intorno qualche passante, altri ragazzini, forse suoi amici, paralizzati dal panico.
I quattro energumeni di via Divisione Aqui gli mettono le mani addosso, lo bloccano, gli storcono le braccia. Lui urla, cerca di divincolarsi, gli fanno male. Lo trascinano verso la volante, violentemente, in quattro contro uno. Chi fa il video chiede spiegazioni a un poliziotto. «Lo lasci stare! Cos’ha fatto? Non ha fatto niente! Perchè lo state portando via?» Cercano di allontanarlo. «Lo state menando! Lo state menando! Ha sedici anni, lo state menando!» Si vede del trambusto. Il ragazzino è spinto dentro la macchina della polizia, probabilmente a calci e pugni. È portato via, mentre i poliziotti non rilasciano dichiarazioni.
Oggi. Piazza Grande. La testimonianza raccolta da sua madre.
Hanno fermato mio figlio. Aveva lasciato i documenti a casa. È uscito dalla questura con la faccia gonfia. «Mi hanno pestato». Un occhio nero, lividi sulle braccia e sulle spalle. Al Pronto soccorso quindici giorni di prognosi.
A Modena la violenza poliziesca di una questura fuori controllo dilaga. Il governo, sfruttando la pandemia, non ha fatto altro che lasciare ancora più carta bianca, ancora più impunità.
Amicizie tra digos e padroni e scioperi repressi con teste spaccate, lacrimogeni e denunce a centinaia di operai come a Italpizza.
Una strage nel carcere di S.Anna a marzo ancora senza una verità se non quella di 9 morti, tutto insabbiato.
Pestaggi sotto casa durante il primo lockdown in centro.
Decine e decine di tifosi costretti fino ad oggi ad affollarsi per firmare inutilmente durante partite deserte solo per rendere ulteriormente difficile la vita.
Militarizzazione, coprifuoco, soprusi, multe a non finire a modenesi già vessati dalla paura di finire in ospedale, di perdere il lavoro, di non poter più riaprire, di non poter più curarsi, di non avere qualcosa da mettere sulla tavola il giorno dopo.
E adesso arresti per strada e violenze contro ragazzini, finiti come da testimonianza con pestaggi in Questura.
Noi lo sappiamo bene cosa fa la polizia italiana, “fatica e non si stanca, di giorno manganelli, di notte Uno Bianca”. Di notte, in via Emilia centro e in via Divisione Aqui, anche quello che è successo a questo ragazzino. Che potrebbe essere tuo amico, tuo figlio, la persona accanto a te. E la prossima volta potresti essere tu.
Per questo speriamo che i suoi amici, gli amici degli amici, i giovani dei parchetti, delle compagnie, dei lavoretti, dei senza futuro, che oggi più stanno pagando questo mondo di merda, abbiano visto bene, sentito quella rabbia che a noi non riesce ad andare via, e ricordino. La custodiscano. Per, un giorno, ricacciaverla in faccia.
Che cresca una generazione pronta a spazzarvi via.

 

Di seguito la testimonianza della madre del minore

17 Novembre 2020

About Author

admin